Alguer

breve storia della città

Alghero é una cittadina della provincia di Sassari, a 35 Km a Sud-Ovest del capoluogo di provincia, nella Nurra meridionale. E' affacciata sul golfo omonimo e si trova a 7 metri s.l.m. Il comune ha un'estensione di 224,9 Km2 con circa 41000 abitanti.

Localizza AlgheroFondata dai Genovesi nel secolo XI, fu lungamente sotto la dinastia della Famiglia Doria, interrotta solo da un breve periodo Pisano (1283-1284). Con l'appoggio militare dei Veneziani, nel novembre del 1353 (dopo un lungo assedio ed una sanguinosa battaglia navale che si svolse nello specchio d'acqua antistante la baia di Porto Conte che vide sconfitto l'Ammiraglio genovese Antonio Grimaldi) fu conquistata da Pietro IV D'Aragona (*) - detto il Cerimonioso o anche del Punyalet - e la sua popolazione, costretta a fuggire. Il Conquistatore la sostituì con una colonia Catalana (ancora oggi gli abitanti di Alghero parlano un dialetto catalano). Sia sotto la dominazione Aragonese che sotto quella Spagnola, durata fino al 1720, la città, poderosamente fortificata nel XVI secolo, continuo' per un lungo periodo ad avere sia una posizione che un'importanza strategica fondamentale; infatti rappresentava la "testa di ponte" prima del Regno d'Aragona, poi del Regno di Spagna nel mediterraneo occidentale. Ancora oggi, la bellissima cittadina catalana, durante il periodo sia estivo che primaverile, é ambita meta di turisti italiani e stranieri, che vengono ad ammirare le splendide coste ed il centro storico che ha conservato le sue caratteristiche architettoniche ed urbanistiche. L'antico costume di Alghero Infatti, si puo' individuare chiaramente, nell' impostazione urbanistica del centro storico, quella di una cittadella militare fortificata di origine neolatina (castrum romanum): con il Cardo ed il Decumano, rappresentati, nell'ordine, dalle attuali Via Cavour (con orientamento Nord-Sud) e via Roma (con orientamento Est-Ovest).

In più, lo sviluppo in altezza delle abitazioni lungo le strette stradine del centro storico é dovuto al fatto che la città risultava fortificata ed i costi per l'ampliamento delle mura e la conseguente difesa della stessa, erano altamente elevati, per cui l'architettura, soprattutto quella civile, si sviluppava in altezza. Oltretutto, l'ampliamento del perimetro delle mura era piuttosto difficoltoso, poiché, se da una parte c'era il mare con la Secca delle Murgie che rendeva difficili gli approdi, dall'altra, verso terra, vi era una vasta zona paludosa.
Come già detto, il centro storico di Alghero é un gioiello più unico che raro in Sardegna e l'anno 1354 é la data di Veduta aerea di "Alghero Vecchia"nascita di "Alghero Catalana". Che Alghero sia tale anche oggi é reso evidente non solo dalla lingua e dalle tradizioni, ma anche dai monumenti che, appunto nel centro storico, spesso "parlano catalano": non solo per i due elegantissimi campanili e le parti architettoniche più significative della Cattedrale e di San Francesco, ma anche per i molti palazzi costruiti in stile gotico-catalano.
Questo stile, espressione del gotico francese con influenze dell'architettura Araba, tanto radicata in Catalogna e nella Spagna, ha avuto in Alghero e Cagliari i due centri di penetrazione in Sardegna, ove ritroviamo frequentemente: portali gigliati, finestre con l'arco inflesso (a sesto acuto), monofore e bifore, cornici a bilancia, modanature a sferule, motivi ornamentali fitomorfi (a foglie), figure umane o d'animali scolpite sulla pietra, un certo gusto nell'uso delle maioliche.L'Alguer by night Le costruzioni in questo stile risalgono specialmente ai secoli XV e XVI.
La città é interessante anche sotto il punto di vista numismatico, per i suoi "minutz" (minuti o spiccioli), una moneta che era battuta dalla zecca di Alghero, gestita dagli Ebrei. Questa si trovava nella zona che attualmente é di fronte alla Chiesa della Misericordia. La presenza degli Ebrei in Alghero, durata fino alla cacciata di questi da tutti i territori occupati dalla Spagna é incontroversa: la torre di Porta Terrafu costruita con il contributo obbligato della comunità ebrea, tanto é vero che questa torre é anche nominata "La Torre degli Ebrei".
Alghero é il piu' caratteristico centro turistico della "Riviera del Corallo", dalle coste ricche di calette solitarie, di piccole insenature che nascondono soffici spiagge orlate da fitte pinete, di scogliere frastagliate e bagnate da un mare verde smeraldo.

(*) Ringraziamo il visitatore Renato per una cortese segnalazione. Avevamo infatti indicato Pietro IV D'Arborea e non D'Aragona. Ce ne scusiamo con i lettori che hanno precedentemente visitato questa pagina
Siamo persone comuni, senza velleità particolari,
al di la di ciò che la convinzione
collettiva vuole ...
Alghero é una cittadina della provincia di Sassari,
a 35 Km a Sud-Ovest del capoluogo di provincia,
nella Nurra meridionale ...
©2011 - sito ufficiale r .·. l .·. "vincenzo sulis" n. 1143 or .·. di alghero